Sicurezza nelle attività di manutenzione di macchine e

I pericoli per la sicurezza e salute sul lavoro nelle attività di manutenzione di macchine e impianti

Il numero dei lavoratori coinvolti nelle attività di manutenzione di macchine e impianti è molto elevato  considerando che tale attività interessa tutti i settori lavorativi. Ma soprattutto, si tratta di un tipo di attività che normalmente può presentare fattori di rischio più elevati visto che i macchinari per essere manutenuti devono essere portati in condizioni di utilizzo “anomale”, non ordinarie, esponendo così l’operatore a situazioni che – se non correttamente previste e prevenute – possono aumentare il pericolo di infortuni e incidenti in maniera sostanziale.

Il processo di manutenzione di macchine e impianti, per assicurare che avvenga in sicurezza ottimale, dovrebbe iniziare durante la fase di progettazione di un’apparecchiatura o di un impianto o durante la fase di pianificazione di un’attività. Ma sappiamo che, molto più spesso a fare regola è l’eccezione…

Anche perché “Manutenzione” è un termine generico che è utilizzato, nei diversi settori e ambienti di lavoro, per denominare un’ampia gamma di attività: ispezione, collaudo, misurazione, regolazione, riparazione, rilevamento guasti, sostituzione di parti, lubrificazione e pulizia.

I dati degli infortuni e malattie derivanti da attività di manutenzione di macchine e impianti

A conferma di ciò, i dati hanno mostrato che le percentuali di infortunio durante i lavori di manutenzione variano da paese a paese, mantenendosi tra il 15% ed il 20% di tutti gli infortuni. Inoltre, circa il 10-15% di tutti gli infortuni mortali si sono verificati durante l’esecuzione di operazioni di manutenzione. La maggior parte degli infortuni connessi alla manutenzione si sono verificati nelle imprese manifatturiere, edili, immobiliari e commerciali, nel settore dell’erogazione di elettricità, gas e acqua e, in alcuni paesi, anche nel settore dell’istruzione.

Non solo, la maggior parte degli infortuni si sono verificati durante attività di manutenzione correttiva. Inoltre, gli addetti alla manutenzione sono stati le seconde vittime più frequenti di infortuni connessi al subappalto, subito dopo gli operai del settore edilizio.

Novità 2019. La nuova guida INAIL per la sicurezza nelle attività di manutenzione di macchine e impianti.

tudi scientifici indicano che le malattie professionali e i problemi di salute connessi con il lavoro (quali: asbestosi, cancro, problemi di udito e disturbi muscoloscheletrici) sono anch’essi più diffusi fra i lavoratori impegnati in attività di manutenzione.

Insomma, la manutenzione di macchine e impianti ha un doppio decisivo ruolo in termini di salute e sicurezza sul lavoro: costituisce essa stessa un’attività ad alto rischio e deve essere eseguita in modo sicuro, con un’adeguata protezione, sia per gli addetti alla manutenzione che per le altre persone eventualmente presenti sul posto di lavoro. Ma allo stesso tempo ha un ruolo importante proprio nell’eliminazione dei rischi sul luogo di lavoro. La mancanza di manutenzione o la sua inadeguatezza possono infatti causare incidenti gravi o problemi di salute non solo per i lavoratori.

Perciò, per venire incontro alle molteplici figure  coinvolte  nelle attività di manutenzione, (datori di lavoro, dirigenti, responsabile del servizio prevenzione e protezione, rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, responsabili della manutenzione, addetti alla manutenzione, responsabili dei contratti, responsabili della gestione di appaltatori e fornitori) il Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti antropici dell’INAIL ha pubblicato a maggio 2019 una nuova importante guida dal titolo  La manutenzione per la sicurezza sul lavoro e la sicurezza nella manutenzione.

Dopo una prima introduzione il documento

  • fa una ricognizione dei  rischi nelle varie attività di manutenzione di macchine e impianti,
  • propone “soluzioni per una manutenzione sicura”,
  • riporta riferimenti alla vigente legislazione di salute e sicurezza sul lavoro,
  • esamina approfondimenti in merito alle diverse tipologie di attività (manutenzione di attrezzature, manutenzione di Dpi, manutenzione di impianti, manutenzione e verifica impianti elettrici),
  • discute politiche di pianificazione della manutenzione,
  • fornisce informazioni sulla tecnologia RFId al servizio della manutenzione (Radio-Frequency Identification cioè quelle tecnologie che permettono il riconoscimento a distanza di un oggetto per mezzo di comunicazioni radio),
  • analizza problemi connessi alla esternalizzazione dell’attività.

Vuoi assicurarti di essere sempre a norma con la gestione, manutenzione e le verifiche periodiche delle tue macchine e impianti? Chiamaci o chiedi informazioni a info @framyx

X