VENETO – FINO A 120.000 EURO PER RIORGANIZZAZIONE E DIGITALIZZAZIONE

E’ stato pubblicato il DGR 1311/2018 a valere sui fondi FSE che finanzia a fondo perduto le attività formative e di consulenza legate alla digitalizzazione e riorganizzazione delle aziende venete. Il bando è particolarmente interessante poiché il fondo perduto arriva al 100% e può arrivare fino a 120’000 euro con una parte che può anche essere destinata ad investimenti in beni materiali e immateriali.

BENEFICIARI 

Imprenditori

Dipendenti

Liberi professionisti

AGEVOLAZIONE

Fondo perduto del 100% per le attività di consulenza e formazione

Progetto minimo 20’000 euro

Progetto massimo 120’000 euro

E’ possibile inserire nell’agevolazione anche investimenti che abbiano stretta attinenza con il progetto nel limite massimo del 40% secondo lo schema riportato sotto.

PROGETTI AMMESSI

IL CAMBIAMENTO delle ORGANIZZAZIONI e delle aziende interessate all’innovazione e all’apertura verso il mercato globale, nonché delle aziende che si stanno confrontando con la necessità di elaborare nuovi modelli di business più flessibili sia nei tempi che nei luoghi di lavoro;

Linea 1 – Imprese che cambiano

Introduzione di strategie innovative, di nuovi modelli di business e innovazioni di prodotto o di processo, utili a favorire i processi di
sviluppo aziendale per rispondere ai fabbisogni del mercato

Linea 2 – Imprese smart

Interventi per elaborare e sperimentare nuovi modelli organizzativi più flessibili di lavoro, in grado di rispondere ai bisogni di armonizzazione dei luoghi e dei tempi di vita-lavoro di tutte le risorse umane (generi e generazioni diverse) coinvolte nel
processo produttivo aziendale (es. introduzione dello smart work)

SPESE AMMISSIBILI

  • attività formative, aziendali o interaziendali: indoor e outdoor/esperienziale
  • attività di accompagnamento individuali e/o di gruppo
  • assistenza/consulenza, Coaching,
  • Action Research
  • visite di studio/aziendali, Seminari/Workshop.
  • borse di ricerca

Nel caso di avvio di nuovi rami d’azienda, di apertura di nuove unità locali, di incremento del capitale sociale per effetto dell’ingresso di nuovi soci (in percentuale non inferiore al 20%)

Contributo a fondo perduto FESR non superiore al 40% del contributo pubblico richiesto totale del progetto.

Fino ad un massimo di € 5.000,00 per

  • Spese di registrazione e per prestazioni notarili/di commercialisti finalizzate relative all’avvio di nuovi rami d’azienda, all’apertura di nuove unità locali, all’incremento del capitale sociale per effetto dell’ingresso di nuovi soci (in percentuale non inferiore al 20%)
  • Spese promozionali, con riferimento alle operazioni di cui al punto precedente: sono ammissibili i costi/spese relativi/e ad acquisizione ed attuazione di campagne promozionali, di spot video e radio, brochure, locandine, volantini, etc.

Fondo perduto fino al 70% del valore imponibile del bene acquistato per

  • Acquisizione immobili
  • Spese relative ad opere edili relative ad interventi di ristrutturazione o manutenzione straordinaria, anche di edifici in disuso (sono esclusi i lavori in economia)
  • Locazione immobili ad uso esclusivo dell’attività produttiva (limitatamente al periodo del progetto)
  • Acquisto, rinnovo, adeguamento di impianti, macchinari, attrezzature
  • Acquisto di hardware e di software (ad esclusione dei software di office automation) e di strumenti dedicati alla tecnologia digitale
  • Acquisto di mezzi mobili ad uso esclusivo aziendale (escluse autovetture)
  • Canoni di leasing/affitto/noleggio/licenza d’uso dei beni di cui alle precedenti tipologie (limitatamente al periodo del progetto)
  • Spese tecniche per progettazione, direzione lavori, collaudo, certificazione degli impianti e perizie tecniche
  • Acquisto di diritti di brevetto, di licenze, di Know-how o di conoscenze tecniche non brevettate
  • Acquisizione di banche dati, ricerche di mercato, biblioteche tecniche

In tutti gli altri casi

Contributo a fondo perduto FESR non superiore al 30% del contributo pubblico richiesto totale del progetto.

  • Acquisto, rinnovo, adeguamento di impianti, macchinari, attrezzature, strumentali alla realizzazione del progetto
  • Canoni di leasing dei beni di cui alla precedente tipologia
  • Mezzi mobili strettamente necessari alla realizzazione del progetto e dimensionati alla effettiva produzione, identificabili singolarmente e a servizio esclusivo dell’unità produttiva oggetto delle agevolazioni
  • Spese tecniche per progettazione, direzione lavori, collaudo e certificazione degli impianti
  • Acquisto di hardware e di software specialistici strumentali alla realizzazione del progetto e strumenti dedicati alla tecnologia digitale
  • Acquisto di diritti di brevetto, di licenze, di Know-how o di conoscenze tecniche non brevettate, strumentali alla realizzazione del progetto
  • Acquisizione di banche dati, ricerche di mercato, biblioteche tecniche strumentali alla realizzazione del progetto
  • Spese per perizie tecniche strumentali alla realizzazione del progetto
  • Spese per la partecipazione di un’impresa ad una determinata fiera o mostra (costi sostenuti per la locazione, l’installazione e la gestione dello stand)

FONDI DISPONIBILI

euro 16.000.000,00 (Sedicimilioni)

SCADENZE

Presentazione entro il 15 Ottobre 2018

 

X